The words we use matter / Le parole che usiamo contano

Posted by

When I was first diagnosed with chronic pain, I was devastated. I couldn’t envisage a life with the shooting pain that felt like sudden bolts of lightning running through my spine and into my legs.

For a time, I was angry and couldn’t see a way out…

I was mourning the person I was and hated the person I had become. I fought hard against the pain, but nothing worked…

Whilst all this was going on, I became increasingly aware of the negative language surrounding pain that is rife on social media and in the various support groups, as well as the language I was using with myself that made me feel like a victim and this wasn’t like me.

So, I tried a different tactic, I became kind to the pain but at the same time pushing myself never really giving up on myself and what I could achieve.

I learnt about the importance of language and the power of the words we use with ourselves and others.

I made changes to the language I used with myself and listened to the language others were using with me.

This has helped me better manage myself and my health condition and be a much better version of myself.

If you are going through something similar due to a change in your health, I hope this helps you on your way.

Remember you are not alone. Drop me a line and let’s get you moving!

Quando mi è stato diagnosticato per la prima volta il dolore cronico, ero devastata e non potevo immaginare una vita con il dolore lancinante che sembrava a improvvisi fulmini che mi attraversavano la colonna vertebrale e le gambe.

Per un po’, ero arrabbiata e non riuscivo a vedere una via d’uscita …

Ero in lutto per la persona che ero e odiavo la persona che ero diventata. Ho lottato intensamente contro il dolore, ma niente ha funzionato …

Mentre tutto questo succedeva, sono diventata sempre più consapevole del linguaggio negativo che circonda il dolore che è diffuso sui social media e nei vari gruppi di supporto, nonché del linguaggio che stavo usando con me stessa che mi ha fatto sentire una vittima e questo non ero io.

Così, ho provato una tattica diversa, sono diventata gentile con il dolore ma allo stesso tempo spingendo me stessa a non arrendermi mai veramente su me stessa e su ciò che avrei potuto ottenere.

Ho imparato l’importanza del linguaggio e il potere delle parole che usiamo con noi stessi e gli altri.

Ho apportato modifiche alla lingua che ho usato con me stessa e ho ascoltato la lingua che gli altri stavano usando con me.

Questo mi ha aiutato a gestire meglio me stessa e le mie condizioni di salute ed essere una versione molto migliore di me.

Se stai attraversando qualcosa di simile a causa di un cambiamento nella tua salute, spero che questo ti aiuti sulla tua strada.

Ricordati, che non sei solo/a. Scrivimi e iniziamo il percorso per andare avanti!

2 comments

Comments are closed.